Ci siamo, è arrivata l’Epifania, che tutte le feste porta via! Dopo esserci goduti appieno tutti i nostri addobbi natalizi e l’albero di Natale, è arrivato il momento di disfare e conservare il tutto, fino alle prossime festività natalizie. Bisogna ammetterlo, si prova un pizzico di malinconia a pensare come siano volate tutte le feste, e soprattutto a non poter godere più dello spirito magico del Natale in casa. Comunque sia, bando alle ciance, per quanto sia bello questo periodo, è ormai trascorso, e bisogna necessariamente disfare l’albero di Natale e gli addobbi e riportare la casa ad uno stato di quotidianità.

Indice

Conservare l’albero di Natale e gli addobbi natalizi

Lo sappiamo benissimo, disfare l’albero e gli addobbi natalizi non è per niente paragonabile al loro allestimento. Addobbare casa per Natale è molto divertente, cosa che non si può assolutamente dire quando si deve smontare tutto, che è decisamente molto noioso, una vera e propria scocciatura.

Ma attenzione, piuttosto che smontare tutto in maniera frettolosa per l’eccessiva noia, munitevi di calma e pazienza, e del giusto tempo necessario. Se organizzate e conservate tutti gli addobbi e l’albero di Natale in modo ottimale, risparmierete tempo in seguito.

State tranquilli, che quando arriverà il momento di rimontare tutto, sarete grati di aver perso un paio di minuti in più e di aver fatto un buon lavoro.

10 errori da non fare nel disfare l’albero di Natale

È arrivato il fatidico momento di smontare tutto. Innanzitutto, ritagliatevi il tempo necessario, dopodiché seguite i nostri consigli, o meglio gli errori da non fare nel disfare l’albero di Natale.

1. Disfare l’albero di Natale con le luci collegate alla corrente

Il primo errore da non fare quando si deve disfare l’albero di Natale, è quello di iniziare senza scollegare le luci dalla presa di corrente. Questa dimenticanza infatti, può rappresentare un impedimento nelle fasi successive.

2. Lasciare l’albero di Natale in una posizione scomoda

Se il vostro albero di Natale è stato posizionato in un angolo della stanza, non potete assolutamente disfarlo senza spostarlo. È molto importante infatti trasferirlo in un punto della stanza più agevole, per poter rimuovere tutti gli addobbi in modo più semplice e comodo.

3. Dimenticare di togliere per primi gli addobbi fragili

Prima di iniziare a rimuovere tutte le palline, è fondamentale togliere per primi tutti gli addobbi fragili, come ad esempio il puntale, che solitamente è molto delicato, e tutte le palline in vetro. Inoltre, prestate maggiore attenzione alla conservazione di questi addobbi più fragili, poiché potreste ritrovarli danneggiati l’anno successivo. Utilizzate quindi dei fogli di giornale per avvolgerli prima di conservarli dentro uno scatolone.

4. Rimuovere gli addobbi partendo dai rami meno sporgenti

Non iniziate a rimuovere gli addobbi dall’albero di Natale a casaccio, senza seguire un senso logico o comunque un ordine ben preciso. Partite dagli addobbi sui rami più sporgenti, per concludere infine con quelli sui rami meno sporgenti. Così facendo, eviterete eventuali cadute accidentali di palline o addobbi vari.

5. Avvolgere le luci in modo disordinato

Un altro errore da non fare assolutamente, è quello di conservare le luci in modo disordinato. Quando dovrete riaddobbare l’albero di Natale l’anno successivo, vi ritroverete un ammasso di fili tutti attorcigliati. Il nostro consiglio è quello di avvolgere le luci in modo ordinato, magari aiutandovi con un cartone su cui arrotolare i fili.

6. Conservare le luci e gli addobbi senza gli appositi scatoli

Ogni addobbo natalizio deve essere conservato in modo ordinato. Per questo è fondamentale avere un contenitore per ogni tipologia di esso. Che sia lo scatolo originale risalente agli acquisti dei vostri addobbi, oppure un semplice cartone, o ad esempio una scatola di scarpe non importa. Ciò che conta realmente è avere qualcosa per poter conservare tutto.

7. Non legare i rami

In questo caso bisogna fare una distinzione tra due tipologie di alberi sintetici: quelli con chiusura ad ombrello, e quelli con i rami estraibili. Per quest’ultima tipologia, bisogna innanzitutto smontare l’albero seguendo l’ordine dei rami, e conservarli in modo ordinato seguendo la sequenza. Dopodiché, bisogna legare i rami per ridurre il loro diametro.

Per gli alberi di Natale sintetici con chiusura ad ombrello, basta semplicemente chiudere contemporaneamente i rami e legarli tra di essi. Per effettuare questa operazione, potete utilizzare dei lacci, delle corde, dei nastri o degli elastici, insomma, qualsiasi cosa, purché non tralasciate questo dettaglio fondamentale che riguarda la conservazione dell’albero di Natale.

8. Conservare l’albero di Natale senza una copertura

Può sembrare assurdo, ma l’albero di Natale è un rifugio per la polvere. Infatti, durante il periodo natalizio, anche se impercettibile all’occhio umano, l’albero cattura molta polvere. Prima di conservarlo, vi consigliamo di dare una piccola spolverata sui rami con dei fogli di scottex imbevuti con un po’ d’acqua. Inoltre è fondamentale conservare l’albero di Natale in uno scatolo o in un sacco, insomma l’importante che sia ben coperto onde evitare l’accumulo di polvere nei mesi di non utilizzo.

9. Sistemare le scatole degli addobbi senza etichette

Come vi abbiamo consigliato prima, ogni tipologia di addobbo natalizio deve essere conservato in una scatola apposita. Inoltre, vogliamo suggerirvi di etichettare ognuna di esse, in modo tale da sapere cosa contengono l’anno successivo prima di aprirle a casaccio.

10. Conservare gli addobbi in posti insoliti

Adesso che tutti gli addobbi natalizi sono stati tolti, conservati negli scatoloni, ed etichettati, bisogna trovare la giusta collocazione in casa ad ognuno di essi. Innanzitutto, cercate di non riporre gli scatoli in luoghi insoliti della casa, di cui potremmo addirittura dimenticarci il prossimo Natale. Riponete invece tutti gli scatoli insieme e in modo ordinato, nel ripostiglio oppure in cantina.